martedì 9 ottobre 2018

Costruire solidarietà e cooperazione. Incontro ad Alessandria

Sabato 20 ottobre 2018, alle ore 17.00, presso la Sala Giovani del Teatro Parvum, in Alessandria, via Mazzini 85, si terrà un incontro - dibattito su solidarietà e cooperazione in Kurdistan, in occasione del rientro della nostra delegazione dal Kurdistan Bashur. Sarà presente un rappresentante della Mezzaluna Rossa kurda e il dott. Giorgio Barbarini dell'ospedale San Matteo di Pavia che ha partecipato ad un convegno medico internazionale sul Rojava. Al termine, ci sarà un buffet ad offerta per i partecipanti.

Come diceva Dino Frisullo:
"Abbiamo bisogno di una solidarietà che sia qualcosa di diverso dalla pura invettiva e dalla generica protesta, perché le vittime reclamano, qui ed ora, pratiche efficaci ed impegni concreti. E' questo per noi il nuovo internazionalismo, l'ingerenza umanitaria dal basso".

Associazione Verso il Kurdistan onlus - seguici su Facebook                                                                               
Mail: versoilkurdistan@libero.it                                                                                                                               
Sito: www.versoilkurdistan.blogspot.com                                                                                                                   
Codice fiscale: 96036900064


martedì 10 luglio 2018

SCUOLA È POLITICA. CONCLUSI I CORSI D’ITALIANO PER MIGRANTI

Abbiamo appena concluso i corsi d’italiano per migranti in Alessandria, a Fubine e in cinque Comuni della Bassa Valle Scrivia. Sono scuole popolari ultradecennali e funzionano ad opera dei volontari dell’Associazione Verso il Kurdistan.
Accanto ai corsi di prima accoglienza, abbiamo avviato i corsi di A1 e di A2 per il conseguimento dell’attestato utile ad ottenere la carta di soggiorno, e, a Sale, in collaborazione con il CTP, anche i corsi per il conseguimento della licenza media.
I nostri corsi si rivolgono a donne e uomini migranti e non, e, da sempre, hanno avuto carattere totalmente gratuito, così come prevede anche la nostra Costituzione.

In questo modo, l’Associazione onlus Verso il Kurdistan, che svolge cooperazione internazionale e lavora, da anni, con migranti e rifugiati, cerca di costruire, non muri, ma ponti di speranza.

Per noi, speranza, sono queste nostre scuole d’italiano per persone che vengono da lontano, da luoghi di povertà e di sofferenza, in cui le condizioni di vita sono disperate, per chi fugge da guerre e persecuzioni, donne e uomini che quando arrivano qui si adattano spesso a fare lavori che noi disdegniamo.
Il nostro modello è quello di una scuola popolare dove non s’impara solo l’italiano, ma un luogo dove si discutono e si affrontano i problemi che i migranti incontrano ogni giorno e, tutti insieme, si tenta di risolverli.

Scriveva Don Milani nella sua famosa “Lettera ad una professoressa”, nel mitico sessantotto di cui celebriamo quest’anno mezzo secolo: “Ho scoperto che il mio problema è anche quello degli altri. Uscirne tutti insieme è politica, uscirne da soli è avarizia”. Vale a dire il più meschino e triste dei vizi.

Un ringraziamento sincero, non formale, va fatto a tutti gli insegnanti volontari che, con il loro sforzo e il loro sacrificio, ci hanno permesso di realizzare questa straordinaria esperienza di solidarietà, veri e propri “medici scalzi” dell’era moderna e va fatto ai Sindaci e a quei Comuni che hanno creduto in questi progetti fin dall’inizio.

Ma questa esperienza, solo se viene allargata e fatta propria da tutta una popolazione, solo se riesce ad aprirsi, potrà avviare un discorso di relazione, di conoscenza, di condivisione, di parità, reciprocità, mutuo riconoscimento tra persone e “culture” diverse, che s’incontrano. Altrimenti, resta più che mai attuale il motto di Don Gallo: “Tu sei chi escludi”.